Home > Roma medioevale e moderna > Fontane > Fontana dell’Obelisco Lateranense

Fontana dell’Obelisco Lateranense

Fontana di piazza San Giovanni in Laterano

L’obelisco egizio (XV sec. a.C.) in piazza San Giovanni in Laterano, rinvenuto nel 1587 lungo la spina del Circo Massimo, è stato innalzato nel 1588 dall’architetto Domenico Fontana (1543-1607) nell’ambito della sistemazione della piazza voluta da papa Sisto V (1585-1590).

Autore: variamente attribuita a Pietro Bernini, Flaminio Ponzio, Domenico Fontana e Taddeo Landini.
Datazione:1589-1590 (?), 1600-1607.
Materiali: marmo, travertino.
Alimentazione originaria: acquedotto Felice.

La costruzione della fontana ai piedi dell’obelisco, alimentata dall’acquedotto Felice e dedicata a San Giovanni Evangelista, si ritiene sia stata finanziata dai Canonici Lateranensi. I lavori, che risulta fossero ultimati nel 1607, vennero forse avviati in occasione del giubileo del 1600.

La fontana è costituita da una vasca baccellata sormontata da una coppia di delfini che sostengono una valva di conchiglia, nella quale a loro volta gettano zampilli due draghi alati ed un’aquila. I draghi e l’aquila rimandano allo stemma gentilizio di papa Paolo V Borghese (1605-1621), sotto il cui pontificato fu completata l’opera.

La presenza di alcuni elementi decorativi (protomi leonine e festoni di fiori e frutta), probabile allusione all’araldica di Sisto V, suggeriscono l’attribuzione della fontana ad un progetto unitario di Domenico Fontana.

Nel corso del restauro, effettuato alla vigilia del giubileo del 2000, si è creata intorno al monumento un’area di rispetto.

Informazioni pratiche

Indirizzo
Piazza San Giovanni in Laterano
Rione

Monti